adv

Danimarca e Paesi Bassi doneranno fino a 61 aerei da caccia F-16 all’Ucraina – Defense Security Monitor

Danimarca e Paesi Bassi, già a capo di una coalizione di 11 nazioni responsabili della formazione dei piloti e del personale di terra, annunciano un significativo contributo degli aerei da combattimento.

Il 20 agosto, Danimarca e Paesi Bassi hanno annunciato che doneranno fino a 61 F-16 all’Ucraina. Le consegne potrebbero iniziare già alla fine dell’anno. Gli accordi sono stati annunciati il ​​20 agosto, quando il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha visitato entrambe le nazioni. Immagine – Ministero della Difesa danese (Forsvarsministeriet).

La Danimarca e i Paesi Bassi hanno annunciato che doneranno rispettivamente 19 e “fino a 42” aerei da caccia multiruolo F-16 all’Ucraina. È probabile che altri operatori F-16 seguano l’esempio e annuncino ulteriori donazioni nei prossimi mesi. La Danimarca possiede attualmente 43 F-16, di cui 30 operativi. I Paesi Bassi hanno 42 F-16 rimasti nella loro flotta. L’accordo è stato salutato dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj come “storico”. Domenica Zelenskyj si è recato sia nei Paesi Bassi che in Danimarca.

Domenica, parlando in una conferenza stampa congiunta con Zelenskyj all’aeroporto di Eindhoven, il primo ministro olandese Mark Rutte ha affermato che i Paesi Bassi “si impegneranno a consegnare aerei F-16 all’Ucraina una volta che le condizioni per tale trasferimento saranno state soddisfatte”. Rutte ha inoltre affermato che “in questo momento i Paesi Bassi possiedono ancora 42 F-16. Di questi 42, abbiamo bisogno di aerei per aiutare gli allenamenti in Danimarca e successivamente in Romania”. I Paesi Bassi stanno attualmente passando agli F-35 e prevedono di acquistarne un totale di 52.

Domenica il primo ministro danese Mette Frederiksen ha incontrato Zelenskyj alla base aerea di Skrydstrup. Frederiksen ha detto che il suo paese donerà 19 F-16 e “si spera” sei intorno al nuovo anno, altri otto l’anno prossimo e altri cinque nel 2025. “Per favore, prendete questa donazione come un segno del sostegno incrollabile della Danimarca alla lotta del vostro paese per la libertà, “Ha detto Frederiksen. Recentemente, la Danimarca ha annunciato che intende ritirare la sua flotta di F-16 nel 2025 anziché nel 2027. La flotta di F-35 danese sarà operativa prima del previsto, che è la ragione principale alla base di questa decisione. La Danimarca si è impegnata ad acquistare 27 F-35, ma altri potrebbero seguirne.

Le donazioni di aerei da combattimento di costruzione occidentale sono la ciliegina sulla torta per le forze armate ucraine e le più recenti di una lunga serie di sistemi d’arma che includono armi leggere, munizioni, armi anti-corazzate e anti-aeree, sistemi di artiglieria, droni, elicotteri, carri armati e altri veicoli corazzati e caccia dell’era sovietica. La strada per raggiungere questo traguardo è stata lunga. Probabilmente a causa del timore di un’escalation del conflitto e dell’assegnazione di una priorità maggiore alla donazione di altri sistemi d’arma, i membri della NATO si sono astenuti a lungo dal fornire aerei da combattimento alle forze armate ucraine. Infine, nell’aprile di quest’anno, più di un anno dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina, la Polonia ha donato quattro MiG-29 di epoca sovietica, seguiti subito dopo da ulteriori donazioni sia da parte della Polonia che della Slovacchia. A maggio, gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbero consentito ai loro alleati occidentali di fornire aerei da combattimento avanzati all’Ucraina, compresi gli F-16 di fabbricazione americana. Pochi giorni prima dell’annuncio di domenica, il governo degli Stati Uniti ha annunciato che si muoverà rapidamente per approvare le donazioni di F-16 danesi e olandesi all’Ucraina.

Danimarca e Paesi Bassi stanno inoltre guidando una coalizione di 11 nazioni responsabili della formazione dei piloti e del personale di terra. La coalizione comprende anche Canada, Belgio, Lussemburgo, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia e Regno Unito, oltre all’Ucraina. Gli alleati della NATO, Danimarca e Paesi Bassi, hanno avviato l’iniziativa a giugno, e il mese scorso i membri della coalizione hanno firmato una dichiarazione congiunta che segna il lancio ufficiale dell’attività di addestramento sugli F-16 con l’obiettivo di addestrare i piloti e il personale di supporto a terra ed eventualmente consegnare gli F-16 a Ucraina. È probabile che altri operatori F-16 seguano l’esempio e annuncino ulteriori donazioni in futuro. La formazione è già in corso in Danimarca e la coalizione ha anche deciso di istituire un centro di formazione in Romania per sostenere tutti gli sforzi di formazione e, una volta che sarà operativo, la formazione continuerà lì. È importante capire che utilizzare gli F-16 non significa solo imparare a pilotarli e mantenerli. L’F-16 è un sistema di sistemi che comprende anche la fornitura di ordigni come proiettili per il cannone da 20 mm; missili aria-aria e aria-terra; munizioni intelligenti; e bombe, oltre a pula e razzi per autodifesa.

Sarà interessante vedere se le spedizioni in massa di F-16 rappresenteranno un punto di svolta nel conflitto o più un’aggiunta alle capacità di combattimento dell’Ucraina. In ogni caso, una grande flotta di F-16 porterà l’aeronautica ucraina a un livello completamente nuovo. Anche se le consegne inizieranno intorno al nuovo anno, gli F-16 ucraini con capacità di combattimento probabilmente non saranno disponibili fino al 2024 inoltrato.

Riferimenti:

Supporto
1
🛎️ Chatta con noi!
Scan the code
Ciao 👋
Hai bisogno di aiuto?