adv

Il plug-in di integrazione del database WordPress SQLite recentemente riscritto necessita di test – WP Tavern

I contributori di WordPress stanno facendo progressi ufficialmente supportando SQLite nel coreun progetto che andrebbe a vantaggio dei siti meno complessi (siti e blog di piccole e medie dimensioni) che non richiedono necessariamente il database MySQL standard di WordPress. In un recente aggiornamentoLo ha detto il principale collaboratore sponsorizzato da Yoast, Ari Stathopoulos Integrazione del database SQLite il plugin di funzionalità è stato riscritto, con l’aiuto del collaboratore principale sponsorizzato da Automattic, Adam Zielinski, per essere un’implementazione più a prova di futuro.

“Il codice è stato completamente riscritto per utilizzare un Lexer SQL ed è ora stabile e in grado di gestire correttamente tutte le query di WordPress”, ha affermato Stathopoulos. “SQL Lexer fa parte del PHPMyAdmin/Parser SQL project (concesso in licenza con GPL 2.0) ed è stato adattato per WordPress, implementando efficacemente a Motore di traduzione da MySQL a SQLite. Ciò fornisce una maggiore sicurezza e compatibilità.”

Stathopoulos sostiene che il prossimo passo sarà implementare questi cambiamenti nel core di WordPress “invece di utilizzare un plugin”, perché nella sua forma attuale può essere testato solo su siti web preesistenti che dispongono già di un database MySQL.

“Usando il in primo piano Il plugin è un ottimo modo per consentire agli utenti di testare l’implementazione e risolvere eventuali problemi, ecc.”, ha affermato. “Tuttavia, a lungo termine, non ha senso usarlo come plugin.”

Stathopoulos ha creato a bozza di richiesta di pull e un accompagnatore Biglietto del Trac proponendo che la nuova implementazione venga incorporata nel core.

Sebbene lo sforzo abbia ricevuto feedback e supporto positivi dalla comunità e dallo sviluppatore principale di WordPress Matt Mullenweg, il plug-in della funzionalità ha solo 30 installazioni attive e la nuova implementazione ha ricevuto pochissimi test.

Diversi partecipanti alla discussione, tra cui il core committer Aaron Jorbin e lo sviluppatore capo Andrew Ozz, hanno espresso preoccupazione per la richiesta della proposta di unire le modifiche al core come passo successivo.

“Parlare di una fusione con il core sembra incredibilmente prematuro per un paio di ragioni”, ha detto Jorbin. “Il plugin ora ha solo circa 30 installazioni. Penso che ci sia bisogno di un’adozione molto più elevata per capire come funzionerà il numero quasi infinito di plugin con questo profondo cambiamento di fondo di WordPress”.

Jorbin ha anche fatto riferimento alla filosofia di WordPress di creare cose per gli utenti finali che non vogliono dover prendere decisioni sulla tecnologia sottostante ma vogliono semplicemente che le cose funzionino.

“Supporre che un utente sia in grado di comprendere diversi motori di database e i potenziali compromessi mi sembra molto eccessivo”, ha affermato Jorbin. “Pertanto, qualsiasi implementazione deve essere davvero solida e testata in modo estremamente approfondito.”

Jorbin ha anche fatto eco alle preoccupazioni di altri contributori nelle conversazioni precedenti, riguardo Il bizzarro “codice etico” intriso di religione di SQLite.”

Ozz ha suggerito che il plugin potrebbe essere aggiunto a WordPress come mu-plugin o “drop-in” in modo simile a come vengono implementati i componenti aggiuntivi di caching, respingendo la rigidità del requisito di fonderlo completamente nel core.

“Entrambi questi metodi sono anche migliori/più adatti agli utenti in quanto possono essere eseguiti dalla società di hosting o dallo script utilizzato per l’installazione di WordPress”, ha affermato Ozz. “Ci sono altri vantaggi come aggiornamenti indipendenti, ecc.”

Stathopoulos ha risposto a queste preoccupazioni, dicendo che vede la fusione come un obiettivo a lungo termine, anche se la proposta comunica più di un’urgenza che ha confuso i partecipanti alla discussione.

“È prematuro”, ha ammesso Stathopoulos. “Tuttavia, guardando il quadro più ampio, non è prematuro pianificare il futuro e prepararsi ad esso.

“Potrebbe essere prematuro ora, ma non lo sarà tra 2 anni… Il problema è che non saremo in grado di farlo in futuro a meno che non iniziamo a lavorarci ora.
SQLite non è qualcosa che può – o dovrebbe – accadere in Core ora, o anche tra un anno. È un obiettivo a lungo termine e dovrebbe essere trattato come tale”.

Stathopoulos concorda sul fatto che il plugin necessita di maggiore adozione per vedere come funziona con i plugin nell’ecosistema. Ha anche risposto alle preoccupazioni relative agli utenti che non comprendono appieno le implicazioni del motore di database selezionato al momento dell’installazione.

“L’interfaccia utente proof-of-concept che ho inserito nel Core PR è proprio questo: una prova di concetto”, ha affermato Stathopoulos. “Qualcosa che inneschi la discussione e ci permetta di trovare soluzioni. Può essere qualsiasi cosa, anche scenari di installazione (vuoi creare un blog? Un piccolo sito di e-commerce? Un grande punto vendita di notizie? Il prossimo Amazon?) Questa è una discussione che dovrà avvenire quando sarà il momento giusto per discutere UI, ma è un po’ troppo presto per quello, non credo che siamo ancora a quel punto”.

Stathopoulos consiglia ai contributori di testare la nuova implementazione con tutti i plugin che utilizzano normalmente, tramite il file Plug-in di integrazione del database SQLite o testando il bozza di richiesta pull nel core di WordPress.

Supporto
1
🛎️ Chatta con noi!
Scan the code
Ciao 👋
Hai bisogno di aiuto?