adv

WordPress.com sfida Substack con il lancio di newsletter a pagamento

Crediti immagine: WordPress.ocm

WordPress.com sta sfidando Substack e altri con le novità di oggi relative al suo prodotto Newsletter ora supporterà abbonamenti a pagamento e contenuti premium. Primo lanciato in dicembre, Newsletter di WordPress.com consente agli scrittori di inviare automaticamente post via e-mail per connettersi direttamente con il proprio pubblico, pur potendo sfruttare le altre funzionalità di WordPress.com. Gli scrittori possono scegliere di utilizzare la funzione esclusivamente per le newsletter oppure possono aggiungere l’opzione al proprio blog per soddisfare i lettori che desiderano invece ricevere nuovi post via e-mail.

Mentre da anni esistono plug-in e servizi di terze parti che consentono ai proprietari di blog di inviare i propri post via e-mail, la decisione di WordPress.com di spostarsi più direttamente in questo spazio riflette il modo in cui le persone ora preferiscono leggere notizie e informazioni. . Come ha fatto lo stato dei siti web peggiorato – dominato da disordine, pubblicità, sovrapposizioni, pop-up e banner di accettazione dei cookie – molti si sono rivolti alla posta elettronica come modo più semplice per rimanere in contatto con scrittori, giornalisti, saggisti e altri editori che desiderano seguire.

Data la considerevole impronta di WordPress.com, WordPress è potente Il 43% della reteinclusa la sua versione open source: il suo spostamento nel mercato delle newsletter è significativo.

La versione iniziale del prodotto Newsletter di WordPress.com, tuttavia, non era uno strumento competitivo con coloro che cercavano di gestire un’attività di newsletter generatrice di entrate. Offre a miriade di funzionalità per la gestione generale delle newsletter, tuttavia, come la possibilità di importare abbonati da altre piattaforme, temi di newsletter già pronti o design personalizzabili, strumenti di pianificazione, possibilità di connettere domini personalizzati, supporto per la pubblicazione via e-mail e altro ancora.

Con l’espansione odierna, gli editori di WordPress.com potranno aggiungere abbonamenti a pagamento e contenuti premium, consentendo loro di generare entrate dalle operazioni di newsletter. L’opzione per utilizzare queste funzionalità è disponibile per tutti i blog WordPress.com, anche quelli con piano gratuito, afferma l’azienda. Ma man mano che la loro attività di newsletter cresce, gli editori possono scegliere di passare ai piani WordPress.com a pagamento, che ridurranno anche le commissioni di transazione sulle e-mail di iscrizione alla newsletter.

Ad esempio, gli utenti del piano gratuito pagare commissioni di transazione della newsletter del 10%mentre quelli del piano Commercio pagano lo 0%. WordPress.com sta elaborando le transazioni tramite Stripe, dice, che limita la disponibilità solo a quelle mercati in cui Stripe è supportato.

A confronto, Substack addebita una commissione del 10%. per i propri clienti, elaborati anche tramite Stripe.

E, analogamente a Substack, gli autori di WordPress.com possono scegliere quale dei loro post sarà gratuito o a pagamento solo al momento della pubblicazione. Durante la pubblicazione, selezioneranno semplicemente la casella per indicare se il post è per tutti, iscritti o solo iscritti a pagamento.

L’azienda suggerisce che il vantaggio di pubblicare una newsletter su WordPress.com è la flessibilità che offre.

Poiché WordPress.com è una piattaforma di pubblicazione più ampia, non solo una piattaforma di newsletter, i creatori potrebbero espandere i loro sforzi nel tempo per trasformare la loro newsletter in un sito web, ad esempio. Potrebbero anche raccogliere mance o donazioni una tantum, secondo necessità, per mantenere i loro progetti finanziati al di fuori degli abbonamenti o scegliere di gestire un negozio online. Inoltre, l’estensibilità di WordPress.com fornisce l’accesso a una serie più ampia di plug-in, temi e modelli di progettazione per personalizzare ulteriormente il proprio sito Web.

Detto questo, poiché WordPress.com non si concentra esclusivamente sulle newsletter, ciò potrebbe significare che mancheranno alcuni degli strumenti più specifici progettati per questo mercato che i concorrenti potrebbero offrire, in particolare per quelli con operazioni di newsletter su larga scala o attività online.

E non sarà così competitivo sul lato social rispetto ad aziende come Substack, che ha lavorato per rendere la sua piattaforma non solo un luogo dove scoprire e iscriversi alle newsletter, ma anche una sorta di comunità online. L’azienda quest’anno ha lanciato funzionalità come Appunti E Chiacchierata che consentono agli scrittori di comunicare direttamente con i lettori in modi diversi rispetto alla sola e-mail. In effetti, è stato visto come un tentativo di entrare nel territorio di Twitter, facendo arrabbiare il proprietario di Twitter Elon Musk, che ha poi punito Substack censurando i tweet con collegamenti Substack sulla piattaforma di Twitter.

WordPress.com non verrebbe necessariamente fornito con alcuna comunità sociale integrata, ma con una società madre Automattic ha recentemente acquisito un plug-in ActivityPub che i proprietari di blog potrebbero utilizzare per unirsi al Fediverso, pubblicando i loro aggiornamenti direttamente su Mastodon, un rivale Twitter open source che ha guadagnato terreno dopo l’acquisizione di Twitter da parte di Musk.

Le nuove opzioni di newsletter a pagamento sono disponibili oggi, afferma l’azienda.



Supporto
1
🛎️ Chatta con noi!
Scan the code
Ciao 👋
Hai bisogno di aiuto?