adv

WordPress.org Abilita filtri commerciali e comunitari sulle directory di plugin e temi – WP Tavern

Durante Stato della Parola 2022Matt Mullenweg ha annunciato un piano per aggiungere nuove tassonomie “Community” e “Commerciale” per le directory dei temi e dei plugin che aiuterebbero gli utenti a accertare più rapidamente lo scopo delle estensioni che stanno prendendo in considerazione. Poco dopo l’annuncio, sono state pubblicate le istruzioni per gli autori di temi e plugin aderire alle nuove tassonomie.

I nuovi filtri sono ora abilitato sia sulle directory dei temi che su quelle dei plugin, offrendo agli utenti la possibilità di scegliere rapidamente tra le estensioni della community gratuite e quelle con aggiornamenti commerciali. Tutto ciò che ha una “versione pro” dovrebbe essere designato come commerciale. Questi di solito vengono forniti con alcuni upsell per più funzionalità rispetto a quelle offerte nella versione gratuita. Finora, il numero di temi identificati come commerciali supera di gran lunga il numero di temi comunitari.

Nella directory dei plugin, le estensioni designate come gratuite sono quasi uguali a quelle designate come commerciali. Molti dei plugin più utilizzati sono già stati identificati come commerciali, tra cui Yoast SEO, Jetpack, Akismet, Elementor, WooCommerce, All-in-One WP Migration e altri. Esempi di plugin della community includono WordPress Importer, Classic Editor, Classic Widgets, Gutenberg, Performance Lab e Debug Bar.

In entrambe le directory sembra che solo una piccola percentuale di autori abbia designato le proprie estensioni utilizzando tassonomie commerciali o comunitarie. Al momento non è richiesto l’uso delle tassonomie. Ciò ha fatto sorgere alcune domande nei commenti all’annuncio.

“Un sistema di classificazione migliore sarebbe quello di non avere alcuna etichetta per la maggioranza, e poi qualcosa di più vicino a ‘include aggiornamenti a pagamento’ che implica semplicemente che offrono anche servizi aggiuntivi oltre alla loro versione gratuita (e spesso perfettamente funzionante)?” Lo ha detto lo sviluppatore di WordPress Kevin Batdorf.

“Tutti i plugin sono open source indipendentemente dal fatto che vendano qualcosa, e questo non rende gli sviluppatori meno appassionati dell’open source. Né implica che i plugin non commerciali abbiano meno funzionalità o che il livello di dedizione al supporto sia meno dedicato.”

Batdorf ha anche chiesto se l’uso delle tassonomie sarà un requisito in futuro, perché, al momento, il loro scarso utilizzo potrebbe dare ad alcuni plugin un vantaggio nell’ambito di queste nuove classificazioni.

“Dovrebbe essere anche un requisito?” Egli ha detto. “Altrimenti anche questo sembra un gioco per la visibilità. I plugin comunitari o commerciali (o nessuno dei due) mostrano una crescita delle installazioni più elevata? Ti garantisco che lo state già monitorando.”

Il team Meta di WordPress sta cercando feedback sull’attuale implementazione. Il collaboratore sponsorizzato da Automattic, Steve Dufresne, ha affermato che “il lavoro è continuamente in corso per migliorare l’esperienza di navigazione e perfezionare gli aspetti visivi della directory dei temi e dei plug-in come parte della riprogettazione del sito”. I nuovi filtri verranno incorporati nel file imminenti modifiche alla riprogettazione che si sono lentamente diffusi su WordPress.org.

Questi filtri verranno inseriti anche nel tema di amministrazione e nei browser dei plug-in, in modo che gli utenti possano accedervi ovunque cerchino le estensioni. Nel frattempo, gli utenti e gli sviluppatori di temi e plugin possono lasciare feedback tramite Meta Trac sui ticket specifici delineati nel annunciomentre il team continua a ripetere il progetto.

Supporto
1
🛎️ Chatta con noi!
Scan the code
Ciao 👋
Hai bisogno di aiuto?